MAKA HANNYA HARAMITTA SHINGYÔ

KAN JI ZAI BO SATSU GYO JIN HAN-NYA HA RA MI TA JI SHO KEN GO ON KAI KU DO IS-SAI KU YAKU SHA RI SHI
SHIKI FU I KU KU FU I SHIKI SHIKI SOKU ZE KU KU SOKU ZE SHIKI JU SO GYO SHIKI YAKU BU NYO ZE SHA RI SHI
ZE SHO HO KU SO FU SHO FU METSU FU KU FU JO FU ZO FU GEN ZE KO KU CHU MU SHIKI MU JU SO GYO SHIKI MU GEN NI BI ZES-SHIN NI MU SHIKI SHO KO MI SOKU HO
MU GEN KAI NAI SHI MU I SHIKI KAI MU MU MYO YAKU MU MU MYO JIN NAI SHI MU RO SHI YAKU MU RO SHI JIN
MU KU SHU METSU DO MU CHI YAKU MU TOKU I MU SHO TOKU KO BO DAI SAT-TA E HAN-NYA HA RA MI TA KO
SHIN MU KEI GE MU KEI GE KO MU U KU FU ON RI IS-SAI TEN DO MU SO KU GYO NE HAN SAN ZE SHO BUTSU
E HAN-NYA HA RA MI TA KO TOKU A NOKU TA RA
SAN MYAKU SAN BO DAI KO CHI HAN-NYA HA RA MI TA
ZE DAI JIN SHU ZE DAI MYO SHU ZE MU JO SHU ZE MU TO DO SHU NO JO IS-SAI KU SHIN JITSU FU KO KO SETSU HAN-NYA HA RA MI TA SHU SOKU SETSU SHU WATSU GYA TEI GYA TEI
HA RA GYA TEI HARA SO GYA TEI BO JI SOWA KA

HAN-NYA SHIN GYO

 

SUTRA DEL CUORE DELLA PERFEZIONE DELLA SUPREMA SAGGEZZA

Il Bodhisattva della Compassione e della Vera Libertà, attraverso la pratica della Perfezione della Saggezza, comprende che i Cinque Aggregati non sono altro che Vacuità, e grazie a questa realizzazione aiuta tutti gli esseri che soffrono. O Sariputra,
i fenomeni non sono diversi dalla Vacuità, la Vacuità non è diversa dai fenomeni; i fenomeni diventano Vacuità, la Vacuità diventa i fenomeni; e per la percezione, il pensiero, la volontà e la coscienza
vale la stessa cosa. O Sariputra, ogni esistenza ha il carattere della Vacuità: non c’è né nascita né morte, non c’è impurità né purezza, non c’è crescita né declino. Perciò nella Vacuità non vi sono
né fenomeni, né percezione, né pensiero, né volontà, né coscienza,
né occhi, né orecchi, né naso, né lingua, né corpo, né mente,
né colori, né suoni, né odori, né gusti, né sensazioni tattili, né concetti, né conoscibile, né conoscenza, né ignoranza, né fine dell’ignoranza, né degenerazione e morte, né fine della degenerazione e della morte, né Sofferenza, né Causa, né cessazione, né Via, né saggezza, né profitto, né non-profitto. Per il Bodhisattva, grazie alla Perfezione della Saggezza che conduce al di là, non esistono né ostacoli né paura; illusione ed attaccamento vengono allontanati, e può così raggiungere il Nirvana. Tutti i Buddha dei tre Tempi, grazie alla Perfezione della Saggezza,
ottengono il completo Risveglio. Si può comprendere la Perfezione della Saggezza attraverso il Mantra sublime, il Mantra illuminante, il Mantra ineguagliabile, il Mantra incomparabile, che libera da ogni sofferenza, autentico, senza errori, il Mantra della Perfezione della Saggezza. Ecco il Mantra: Andare, andare, andare insieme al di là,
andare al di là dell’al di là, fino al Satori.

Sutra del Cuore della Saggezza.

Anche se li amiamo i fiori appassiscono, anche se le detestiamo le erbacce crescono